Elenco dei post per la categoria: Interviste

Emanuele Quintarelli ospite al #SocialEnterpriseIT

Emanuele Quintarelli, membro autorevole della comunità mondiale sviluppatasi intorno al Social Business e founder di www.socialenterprise.it è lo speciale ospite dell’evento organizzato da Club Ti Centro “Focus on SOCIAL ENTERPRISE”. In occasione dell’incontro chiederemo ad Emanuele quale sia lo stato dell’arte della SOCIAL ENTERPRISE oggi in Italia e quali le differenze con gli altri paesi come negli Stati Uniti dove il fenomeno si è diffuso per primo.

Partendo dai risultati della Social Collaboration Survey e dall’esperienza acquisita sul mercato, l’intervento mostrerà in che modo la collaboration possa fornire una leva di agilità, efficienza, innovazione e motivazione dei dipendenti in grado di dare risposte alle enormi sfide economiche ed organizzative con cui le aziende italiane si stanno confrontando.

  • Come se la passa la tua azienda?
  • Le sfide che abbiamo di fronte?
  • Social che?
  • Storie, storie, storie?
  • Cosa abbiamo imparato?

Emanuele ha trascorso gli ultimi 8 anni come strategist, program manager, consulente e blogger sull’adozione di approcci collaborativi in organizzazioni di ogni dimensione al fine di incrementarne produttività, efficienza, abilità di reagire ai cambiamenti del mercato e potenziale d’innovazione. Nell’ambito della sua esperienza si è confrontato con diverse aziende nell’ambito di progetti di social business e social enterprise e sarà interessante conoscere il percorso di tali progetti, le difficoltà incontrate e quali ingredienti occorrono per portare a compimento progetti di successo.

Invitato di frequente come speaker e chairman, Emanuele ha effettuato presentazioni tra gli altri alla Thought Leader Conference (Berlino), al SocialNow (Lisbona), al Social Business Strategy Summit (Londra), all’Enterprise 2.0 Summit (Parigi & Francoforte), all’Enterprise 2.0 Conference IDC, all’EURO Information Architecture Summit (Berlino), all’Information Architecture Summit (Las Vegas) ed a moltissimi eventi locali su Enterprise 2.0 e Social Business.

Non ultimo, Emanuele ha creato e lanciato Netwo.it (il primo hub per le startup del web 2.0), il Summit Italiano di Architettura dell’Informazione, il Web 2.0ltre, l’International Forum on Enterprise 2.0 ed il the Social Business Forum.

Co-autore dei libri Social Business Manifesto e Marketing 2.0 per HBR Italia, Community Management per Apogeo, Intranet 2.0 per Hoepli, Web 2.0 per Il Sole 24 Ore, Emanuele ha pubblicato articoli su change management, coltivazione delle community online, strategie di Enterprise 2.0 e Social CRM, socializzazione dei processi di business per alcune delle più importanti riviste professionali in Italia.

Alla fine del 2013 ha curato la Social Collaboration Survey, primo studio quantitativo sulle best practice di adozione della Social Enterprise in Italia che ha coinvolto 300 aziende italiane di cui il 26% appartenente al settore ICT, il 16% a quello della Consulenza, il 12% a quello dei Media e il restante 22% tra Manufacturing, Settore Pubblico e Finanziario. Lo studio ha indagato sulla tematica analizzando cultura, organizzazione e processi, tecnologia, misurazione mettendo in luce dati interessanti sulle pratiche collaborative e sulle strategie di successo. In occasione di #SocialEnterpriseIT approfondiremo con Emanuele Quintarelli i risultati della survey, cogliendo anche spunti di visione futura.

EMANUELE QUINTARELLI http://it.linkedin.com/in/emanuelequintarelli

TWITTER: @absolutesubzero

EMANUELE SCRIVE SU www.socialenterprise.it

Condividi:
  • Print
  • PDF
  • email
  • del.icio.us
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • FriendFeed
  • LinkedIn
  • Ping.fm
  • Twitter
 


Imprenditore appassionato e Mentor, Michele Luconi

Sul suo biglietto da visita si legge commerciale ma chi lo conosce lo indica come un “imprenditore illuminato”, appassionato, focalizzato sugli obiettivi e con forte spirito di squadra. Lui è Michele Luconi. Caratteristiche che gli hanno permesso negli anni, come Socio fondatore, di dar vita a e-xtrategy (internet company di cui è CEO), smartitaly (associazione che aiuta giovani talenti a lavorare su progetti digitali) e più recentemente cowo42 (associazione culturale marchigiana che diffonde la cultura del digitale nelle marche). E’ proprio nell’ottica della diffusione della cultura digitale che si iscrive all’associazione CLUBTICentro di cui è membro del Consiglio Direttivo dal 2009.

Docente di università e master sulle tematiche di web marketing e digital strategy, Michele Luconi è uno dei coach che guiderà i soci di Club Ti Centro verso la conoscenza e l’utilizzo del Business Model Canvas al workshop Business Model You sabato 14 dicembre. Mentor per startup e imprese che desiderano trasformare l’idea in un business sostenibile e scalabile, lavora da quasi 20 anni per aiutare le imprese a raggiungere i propri obiettivi di business attraverso internet e la tecnologia.

ClubTi Centro ha intervistato Michele Luconi sul Business Model Canvas ma anche sullo stato dell’arte dei bisogni e dell’innovazione tecnologica delle imprese italiane.

Leggi tutto

Condividi:
  • Print
  • PDF
  • email
  • del.icio.us
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • FriendFeed
  • LinkedIn
  • Ping.fm
  • Twitter
 


Adriano Gasparri, Mentor e una vita nel marketing

Nato e cresciuto negli uffici marketing, Adriano Gasparri da diversi anni  è immerso nell’Agile Marketing, si occupa di strategia (formazione e consulenza) e aiuta concretamente gli imprenditori a realizzare i loro sogni in un percorso consulenziale da fare insieme per sviluppare un nuovo prodotto/servizio che copre un bisogno ancora inespresso di una nicchia di consumatori inesplorata. Il suo lavoro funge da facilitatore di processi aziendali e di apprendimento: sviluppa insieme alle imprese innovative un processo iterativo ed incrementale attraverso il quale nascono progetti operativi con cui conseguire gli obiettivi strategici.

Nel web è conosciuto come 4everyoung, sempre giovane così come il suo desiderio di imparare, migliorare e sviluppare competenze trasversali, che sollecita proprio attraverso l’insegnamento come docente in corsi e master di comunicazione.

Oltre dieci anni di esperienza nel settore del marketing  e web marketing tra beni di consumo, beni industriali e servizi, oggi Adriano Gasparri è Mentor di Goextra, la nuova business unit di e-xtrategy che ha come obiettivo quello di guidare i disrupter, startupper e restarter – attraverso un percorso di mentoring – nella definizione di un modello di business e un prototipo tecnologico sostenibile nel mercato. CMO e Mentor, due ruoli e due anime di una stessa medaglia.

CLUBTICentro ha conosciuto Adriano nel 2009 come CMO e oggi in occasione del workshop di sabato 14 dicembre Business Model You lo incontreremo nuovamente nella veste di MENTOR e facilitatore di un percorso che i soci di CLUBTICentro intraprenderanno per scoprire “chi sarà il CIO del futuro?”.

Adriano Gasparri è stato intervistato da Silvia Conti per CLUBTICentro affrontando proprio questo suo nuovo ruolo di MENTOR.

S.C. Mentor e facilitatore di processi aziendali e di apprendimento, ci vuoi spiegare meglio in che cosa consiste e come viene messo in pratica il tuo ruolo?

Leggi tutto

Condividi:
  • Print
  • PDF
  • email
  • del.icio.us
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • FriendFeed
  • LinkedIn
  • Ping.fm
  • Twitter
 


Sergio Martellini, dai sistemi informativi all’adozione del #BMYOU

Dopo aver lavorato per circa 15 anni in aziende manifatturiere come responsabile ICT e della riorganizzazione dei processi produttivi aziendali, Sergio Martellini dal 2006 lavora come consulente libero professionista. Negli anni ha acquisito specifiche competenze nel settore AIDC (Automatic Identification & Data Collection) ovvero tutto quanto riguarda il mondo Barcode e RFID. In collaborazione con con altri professionisti è uno specialista di applicazioni iPhone iPad orientate al Business. Nel 2012 dà vita come socio fondatore a Innovalia dove si occupa di innovazione tecnologica a supporto dei processi aziendali interni ed esterni e di organizzazione operativa dei progetti di internazionalizzazione. Il suo focus è la gestione delle necessità deli Clienti in un business in continuo mutamento innovativo. Sergio Martellini è riconosciuto per la sua approfondita conoscenza tecnica e una spiccata capacità di tradurre analiticamente bisogni in soluzioni pratiche con risvolto applicativo immediato.

Sperimentatore di tecniche di mind mapping in azienda dal 2001 per approcciare le dinamiche di problem solving e project management si appassiona da subito al Business Model Canvas fin dal 2011. In Innovalia insieme ad altri professionisti utilizza queste tecniche per supportare imprese e startup.

Sergio Martellini, membro del Consiglio Direttivo di Club Ti centro dal 2011, è parte del team di coaches che affiancheranno i soci ClubTi Centro durante il workshop Business Model You il giorno 14 dicembre 2013.

Club Ti Centro lo ha intervistato

S. C. Nella tua esperienza e nel confronto con numerose aziende, quali sono i punti deboli e i punti di forza riscontrati nelle realtà imprenditoriali che vivono oggi più che mai in un contesto di business in continuo mutamento?

S.G. Punti di debolezza tanti primo fra tutti poche competenze manageriali e poca attitudine a delegare. Imprese familiari padronali che oggi scontano quello che per un certo tempo è stato il plus. Non hanno saputo preparare nuove generazioni e staff coesi. Innovazione e tecnologia specialmente ICT vista solo come costo e non come risorsa. Dall’altro lato, tra i punti di forza, vi è l’estrema flessibilità che ha sempre contraddistinto la piccola media impresa a cui si aggiunge l’attitudine a generare reti di imprese sfruttando economie di diversificazione e opportunità per competere a livello internazionale.

S.C. Di che cosa hanno necessità le imprese oggi?

S.M. Di avere costo lavoro piu basso e risolvere i problemi di credito che al momento tengono occupata la mente dei decisionali. Di investire in tecnologia e innovazione per avere informazioni e dati aziendali sempre on line in modo da prendere decisioni rapide e coscienti del reale stato dell’azienda.

S.C. Come il Business Model ti ha aiutato e ha aiutato persone e imprese con cui collabori?

S.G. Pur essendo per chi lo approccia un sistema inizialmente ludico e poco allineato con i metodi classici e non di immediato appeal per le aziende abituate ad utilizzare metodologie definite per affrontare la vita quotidiana di azienda, nel mentre lo si utilizza invece diventa uno strumento apprezzato per il grado di approfondimento e dettaglio che permette di ottenere. Gli italiani sono abituati a parlare ma poco a scrivere secondo parametri e regole analitici e successivamente aprire un tavolo di discussione e confronto. Noi utilizziamo il business Model canvas soprattutto per reingegnerizzare processi e prodotti e meno in ottica startup di aziende.

S.C. Come affronti la sfida di un futuro che si muove velocemente?

S.G. La vera sfida sta nell’adeguamento proattivo a questo cambiamento globale per cercare di dare un supporto operativo a tutte le imprese che intendono innovare dall’interrno il proprio business.

Sergio Martellini e la sua identità digitale:

SERGIO MARTELLINI LINKEDIN http://it.linkedin.com/pub/sergio-martellini/9/735/49

Condividi:
  • Print
  • PDF
  • email
  • del.icio.us
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • FriendFeed
  • LinkedIn
  • Ping.fm
  • Twitter
 


Luca Ballerini, dal WebDesign al Business Model

In occasione del Business Model You saranno con noi quattro facilitatori del Business Model tra cui Luca Ballerini che ora andremo a conoscere più da vicino.

LUCA BALLERINI è Co-Founder & Responsabile Web e New Media INNOVALIA oltrechè CEO di XBRAIN srl (Web Development, Web Marketing & IT).

Opera nel mondo del web dal 2000 e di lì a pochi anni nel 2005 fonda XBRAIN srl, realtà in cui ha potuto impegnare la propria esperienza di web designer, sviluppatore e SEO. Curiosità e amore verso nuove sfide lo spingono verso il tema dei Modelli di Business e così nel 2011 fonda insieme ad altri professionisti INNOVALIA dove, attraverso un forte lavoro di squadra e il confronto entra in contatto e approfondisce il Business Model Canvas.

Leggi tutto

Condividi:
  • Print
  • PDF
  • email
  • del.icio.us
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • FriendFeed
  • LinkedIn
  • Ping.fm
  • Twitter