Elenco dei post per la categoria: sicurezza ICT

Quanto costano un blocco informatico e un’azienda ferma?

Il trattamento di dati e informazioni è parte integrante del processo produttivo di ogni azienda.
L’impossibilità di accedere ai dati o di utilizzare le applicazioni con cui si manipolano tali dati impediscono quindi di conseguire l’oggetto sociale.
Il che causa un danno all’azienda.
Il seminario illustra che cosa può interrompere la disponibilità del sistema informativo, come calcolarne il danno derivante e come valutare la soluzione di continuità operativa adeguata alle proprie esigenze.

Questo è il tema di cui ci parlerà Andrea Veca, Ceo di ACHAB.

Andrea Veca parteciperà all’evento dal titolo “Cyber Security & Privacy – Incidente: quale impatto economico ha sull’azienda?” il giorno 21 ottobre c/o Villa Gens Camuria – Camerano (AN).

Eventbrite - Cyber Security & Privacy - Quale impatto economico sull'azienda?

Presente sul mercato da 22 anni, Achab, è specializzata nella distribuzione agli operatori del mondo ICT (VAR, ISV, MSP) di soluzioni software a valore.  Nel corso degli anni, l’azienda è diventata un punto di riferimento unico per l’intera infrastruttura ICT delle piccole e medie imprese, grazie a soluzioni che garantiscono ai clienti la possibilità di perseguire gli obiettivi di business in maniera efficiente ed efficace.

Obiettivo dell’azienda è creare infrastrutture IT semplici e ad alte prestazioni, in grado di far fronte all’attuale complessità del panorama IT e migliorare la qualità delle soluzioni, nonché il rapporto tra clienti finali e rivenditori. Dalla scelta dei prodotti, alla loro commercializzazione, all’erogazione dei servizi che li completano, la missione di Achab è semplificare la vita dei rivenditori e di conseguenza degli utenti finali, supportandoli nella crescita del business.

L’offerta di Achab risponde efficacemente a tutte le principali esigenze delle aziende: messaggistica, sicurezza, disaster recovery & business continuity, virtualizzazione, gestione della rete e backup.

Punto di forza di Achab sono i brand emergenti, che l’azienda identifica e porta in Italia. Sempre alla ricerca di soluzioni in grado di ottimizzare il TCO dei sistemi, Achab offre soluzioni selezionate presso i migliori produttori software mondiali con i quali crea un rapporto di collaborazione diretto.

Sul mercato italiano, la società collabora con una rete di oltre 1600 rivenditori qualificati, in grado di rispondere a ogni esigenza degli utilizzatori finali, dalla consulenza di prevendita fino alla consegna della soluzione chiavi in mano, dalla formazione alla manutenzione. Iniziative costanti, programmi ad hoc e sessioni di formazione dedicati supportano e consolidano la partnership di Achab con i propri rivenditori.

Fondata nel 1994, Achab ha sede unica a Milano e impiega 23 persone. Attualmente, sono oltre 25.000 le piccole e medie aziende italiane che utilizzano i prodotti distribuiti da Achab.

Sito web: www.achab.it

Andrea Veca – CEO ACHAB

Nato a Milano nel 1967, Andrea Veca è fondatore e amministratore delegato di Achab.  Inizia la sua carriera professionale come consulente presso la società di ingegneria Austroconsult di Vienna e, successivamente, si occupa di sicurezza dell’informazione per lo Stato Maggiore Marina.

Nel 1994 fonda Achab, dove svolge all’inizio un ruolo tecnico per diventarne più tardi amministratore delegato. Dal 2007 al 2009 è stato amministratore delegato di CiDica SpA.

Oggi è alla guida di Achab, gestendo il team che seleziona le migliori tecnologie internazionali da portare sul mercato italiano. Andrea Veca contribuisce inoltre attivamente a RadioAchab con un podcast per condividere le competenze maturate negli anni e la sua passione per la tecnologia con tutti i professionisti del settore.

Andrea Veca ha conseguito una laurea in Ingegneria Elettronica presso il politecnico di Milano e un master in Network Systems presso il centro Cefriel.

Eventbrite - Cyber Security & Privacy - Quale impatto economico sull'azienda?

Condividi:
  • Print
  • PDF
  • email
  • del.icio.us
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • FriendFeed
  • LinkedIn
  • Ping.fm
  • Twitter
 


Cyber risk, privacy e tutela: la norma europea stimolo per una compliance strategica

Il 4 maggio 2016 il nuovo Regolamento europeo in materia di protezione dei dati personali e della Direttiva che regola i trattamenti di dati personali nei settori di prevenzione, contrasto e repressione dei crimini informatici è stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale dell’Unione Europea (GUUE). Le disposizioni saranno direttamente applicabili in tutta l’Unione europea dal 25 maggio 2018.

Quale sarà la portata e l’impatto economico di questo nuovo regolamento per le imprese?

Questo sarà uno dei temi centrali all’attenzione dell’incontro dal titolo “Cyber Security & Privacy – Incidente: quale impato economico ha sull’azienda?” il giorno 21 ottobre c/o Villa Gens Camuria – Camerano (AN). A parlarne sarà l’Avv. Alessandro Cecchetti, General Manager di Colin & Partners, Società di consulenza manageriale nell’ambito del Diritto delle Nuove Tecnologie.

Eventbrite - Cyber Security & Privacy - Quale impatto economico sull'azienda?

I cyber-risks sono minacce in grado di colpire il sistema di sicurezza informatica e comportare una violazione di dati e di informazioni importanti per una società.

Dal punto di vista normativo e di best practices cosa può fare un’azienda? Innanzi tutto prevedere una corretta Policy sulla Sicurezza Informatica, richiesta da diverse normative al fine di soddisfare obblighi e requisiti ben delineati. L‘azienda, quale datore di lavoro, deve infatti controllare il corretto utilizzo degli strumenti di lavoro, evitarne l’utilizzo improprio pericolo di accessi abusivi da parte di hacker o alla diffusione di virus, arginando rischi di accessi abusivi, diffusione di virus e conseguenti perdita o modificazione di dati e informazioni riservate. Questo anche al fine dell’applicazione di un esonero dell’eventuale responsabilità dell’azienda per reato informatico (art.24 bis del D.lgs. n. 231 del 2001).

Avv. Cecchetti - Colin & Partners

Ma non basta un regolamento per una tutela efficace, occorre una logica multidisciplinare di Cyber Resilience. Questo significa comprendere vulnerabilità e criticità dell’azienda per predisporre un modello di rischio cosiddetto “cyber” accurato e costantemente aggiornato per far convergere compliance e cyber security, governance e risk management, cyber intelligence e crisis management, attività di prevenzione e di reazione rapida, fino alla cooperazione.

La Cyber Security è un’attività complessa, parte di un processo più ampio di Risk Management e inderogabilmente connessa agli aspetti di natura legale, più che mai alla luce del recente Regolamento Europeo in materia di protezione dati personali che introduce l’obbligo del Data Breach per tutte le aziende. La GDPR (General Data Protection Regulation) ruota intorno alla compliance aziendale e, in tal senso, security e privacy risultano più unite che mai.
Quest’ultima diviene punto di partenza e di arrivo di un sistema di gestione dei dati che richiede una strategia coerente e consapevole. Dalla mappatura ruoli e organigramma privacy all’adozione di Policy e buone pratiche basate sul principio dell’accountability, che pone in capo al Titolare l’onere di dimostrare l’aderenza dell’azienda alle disposizioni. Privacy by design e by default porteranno a rinnovati equilibri contrattuali con i fornitori. Strumenti operativi quali Privacy Risk Assesment e Privacy Impact Assessment consentiranno di fotografare nel dettaglio le misure di sicurezza adottate e le garanzie previste. Il Privacy Impact Assessment dovrà contenere gli aspetti relativi all’impatto, dal punto di vista della sicurezza, della gestione dei dati.


Colin & Partners si occupa di consulenza manageriale nell’ambito del diritto delle nuove tecnologie.L’interazione tra ambito legale ed informatico permette di supportare il Cliente sotto il profilo normativo, operando sul fronte interno ed esterno. Tuteliamo il cliente prevenendo problematiche di natura legale, coadiuvandolo nell’applicazione della consulenza prestata in ottica di rengineering dei processi organizzativi e stimolando una gestione strategica del business nel rispetto della compliance normativa. La Società si struttura in sei Business Units che identificano le principali aree di riferimento dell’attività: Diritto informatico; Privacy e tutela delle informazioni; Digitalizzazione; Sorveglianza e controllo; Modello 231 e reati informatici; Intellectual property. Colin & Partners eroga inoltre il servizio LaaS – Legal as a service: un ufficio legale informatico in outsourcing, basato su un rapporto continuativo, in grado di garantire la memoria storica delle valutazioni legali e soluzioni operate nel tempo in relazione alle tematiche tecnologiche.
Sito web: www.consulentelegaleinformatico.it

Eventbrite - Cyber Security & Privacy - Quale impatto economico sull'azienda?

Condividi:
  • Print
  • PDF
  • email
  • del.icio.us
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • FriendFeed
  • LinkedIn
  • Ping.fm
  • Twitter
 


Cyber Security & Privacy – Ancona, 21 Ottobre

Cyber Security & Privacy

21 Ottobre – Ancona

c/o Villa Gens Camuria

Via Direttissima del Conero, 2
60021 Camerano – AN – Italy

Quale impatto economico ha sull’azienda il cosiddetto “incidente“?
Le aziende, di dimensioni piccole o grandi, sono spesso soggette a malfunzionamenti
di software e/o hardware che ledono segretezza, disponibilità e integrità di un sistema
informatico. Tali malfunzionamenti si traducono in costi. In occasione dell’ “European Cyber Security Month”, mese dedicato al tema della “cyber security” insieme analizzeremo in modo pratico e concreto:

  • LEGGE: cosa prevede la legge sulla privacy e sicurezza informatica
  • COSTI: misurare qualitativamente e quantitativamente i costi e i rischi per il business (economici, d’immagine, responsabilità dell’imprenditore in termini di privacy, market share)
  • SOLUZIONI: come le piccole aziende (PMI) possono prevenire da un lato e far fronte dall’altro all’”incidente” e limitare così l’impatto economico dei costi sulla sicurezza informatica e sull’organizzazione aziendale

PARTNER TECNOLOGICO

CON LA COLLABORAZIONE DI

PATROCINIO


TARGET

  • Piccoli e medi Imprenditori (appartenenti a qualsiasi comparto merceologico, non strettamente IT)
  • Ragionieri e/o direttori finanziari (CFO)
  • Direttori Amministrativi
  • IT manager
  • Tecnici informatici PMI
  • Responsabili Sicurezza e Privacy nelle PMI
  • Avvocati esperti di sicurezza informatica e privacy

AGENDA

14:00 Check-in e Welcome Coffee
14:30 Saluti di benvenuto – Pietro Berrettoni, Presidente Club Ti Centro
14:45 Cyber risk, privacy e tutela: la norma europea stimolo per una
compliance strategica – Avv. Alessandro Cecchetti, General Manager Colin & Partners
15:30 Blocco informatico e azienda ferma? Ma quanto mi costa? – Andrea Veca, Ceo ACHAB
16:30 Cyber minacce: non accettare caramelle dagli sconosciuti – Fabio
Grussu, IT Manager Gruppo Cerioni

17:00 Question&Answer – La parola alla platea
18:00 Chiusura lavori

<

Condividi:
  • Print
  • PDF
  • email
  • del.icio.us
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • FriendFeed
  • LinkedIn
  • Ping.fm
  • Twitter
 


Cyber security: dai rischi alle contromisure

La percezione del rischio di attacchi informatici da parte di cittadini, enti ed aziende è sempre alta.

L’Università Politecnica delle Marche in collaborazione con il dipartimento di Ingegneria dell’Informazione, con AEIT, ASTRI e L’Ordine degli Ingegneri della provincia di Ancona organizza un incontro per presentare lo scenario che si sta configurando con riferimento alla regione Marche.

CYBER SECURITY: Dai rischi alle contromisure

25 Maggio 2016

Aula Magna – Università Politecnica delle Marche

via Brecce Bianche, Ancona

Per maggiori informazioni vedi CYBER SECURITY


Condividi:
  • Print
  • PDF
  • email
  • del.icio.us
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • FriendFeed
  • LinkedIn
  • Ping.fm
  • Twitter
 


Conversazioni su Competenze e Lavoro Digitale

Cyber security management nei tempi dei social network, del mobile, del cloud, dell’IoT


Roberto Bellini, AICA ne discute con Angelo Amaglio, Qintesi e Maurizio Desiderio, F5 Networks

con una riflessione proposta da Gabriele Faggioli, Clusit in AICA,

a Milano, il 27 aprile 2016 (ore 18:00-19:30)

La sicurezza digitale, o cyber security, rappresenta un crescente problema anche per le PMI, gli studi professionali, gli esercizi commerciali: il diffuso blocco di computer negli ultimi mesi causato da malware, ne è una evidente prova. Problema acuito dalla crescente complessità dell’ambiente digitale attuale, con i propri sistemi ICT sempre connessi in Internet e che usano dispositivi mobili, servizi terziarizzati e in cloud, social networking anche per motivi di business. La necessità di un idoneo livello di sicurezza digitale è pure richiesto e sancito con sanzioni fino al penale, da varie norme italiane ed europee. E d’altro canto la sicurezza digitale è essenziale per garantire la continuità operativa del business e di ogni attività lavorativa, che sono ormai quasi totalmente supportate da strumenti informatici.

L’incontro si svolge presso AICA (Palazzo FAST)
Piazzale Rodolfo Morandi, 2 – 20121 Milano
La partecipazione (anche via web) è libera previa iscrizione online sul sito AICA

L’evento è pubblicato  sul portale AICA per cui è riferibile al link

da cui è possibile accedere alla registrazione ed alla locandina.

invece l’accesso diretto alla scheda di registrazione è disponibile al link

https://docs.google.com/forms/d/1P4yFWPCIY7Wthpiyb1sRpmfjIRYhkzW0QmPgsGeZy0o/viewform?edit_requested=true

Condividi:
  • Print
  • PDF
  • email
  • del.icio.us
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • FriendFeed
  • LinkedIn
  • Ping.fm
  • Twitter