Elenco dei post per il tag: Interviste

Adriano Gasparri, Mentor e una vita nel marketing

Nato e cresciuto negli uffici marketing, Adriano Gasparri da diversi anni  è immerso nell’Agile Marketing, si occupa di strategia (formazione e consulenza) e aiuta concretamente gli imprenditori a realizzare i loro sogni in un percorso consulenziale da fare insieme per sviluppare un nuovo prodotto/servizio che copre un bisogno ancora inespresso di una nicchia di consumatori inesplorata. Il suo lavoro funge da facilitatore di processi aziendali e di apprendimento: sviluppa insieme alle imprese innovative un processo iterativo ed incrementale attraverso il quale nascono progetti operativi con cui conseguire gli obiettivi strategici.

Nel web è conosciuto come 4everyoung, sempre giovane così come il suo desiderio di imparare, migliorare e sviluppare competenze trasversali, che sollecita proprio attraverso l’insegnamento come docente in corsi e master di comunicazione.

Oltre dieci anni di esperienza nel settore del marketing  e web marketing tra beni di consumo, beni industriali e servizi, oggi Adriano Gasparri è Mentor di Goextra, la nuova business unit di e-xtrategy che ha come obiettivo quello di guidare i disrupter, startupper e restarter – attraverso un percorso di mentoring – nella definizione di un modello di business e un prototipo tecnologico sostenibile nel mercato. CMO e Mentor, due ruoli e due anime di una stessa medaglia.

CLUBTICentro ha conosciuto Adriano nel 2009 come CMO e oggi in occasione del workshop di sabato 14 dicembre Business Model You lo incontreremo nuovamente nella veste di MENTOR e facilitatore di un percorso che i soci di CLUBTICentro intraprenderanno per scoprire “chi sarà il CIO del futuro?”.

Adriano Gasparri è stato intervistato da Silvia Conti per CLUBTICentro affrontando proprio questo suo nuovo ruolo di MENTOR.

S.C. Mentor e facilitatore di processi aziendali e di apprendimento, ci vuoi spiegare meglio in che cosa consiste e come viene messo in pratica il tuo ruolo?

Leggi tutto

Condividi:
  • Print
  • PDF
  • email
  • del.icio.us
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • FriendFeed
  • LinkedIn
  • Ping.fm
  • Twitter
 


Un “supporto tra le nuvole”: Lounge Tek al CTIM Forum 2011

In occasione del CLOUD COMPUTING – CTIM FORUM 2011, il ClubTi Centro accoglierà i partecipanti al check-in desk mettendo a disposizione nella sala di attesa di Confindustria di Ancona un’area per la “pausa notebook” dotata di un utile ed ergonomico lounge book, fornito direttamente da  Lounge-Tek . Potrete provare il lounge book il giorno 7 aprile prima dell’inizio del seminario come un vero e proprio “supporto tra le nuvole” del CLOUD COMPUTING – CTIM FORUM 2011.

Inoltre con un po’ di buona fortuna potrete persino vincere un Lounge Book Crystal al termine dell’evento CTIM FORUM 2011. ClubTi Centro e Lounge-Tek effettueranno un’estrazione, a cui potranno partecipare solo i presenti. Un motivo in più per iscriversi al CLOUD COMPUTING – CTIM FORUM 2011.

Ma che cos’è il Lounge Book? Abbiamo chiesto a Giorgio Chignola di Lounge-Tek srl di parlarci del concept che vi è dietro il Lounge Book.

Il Lounge Book nasce da un’esigenza di un freelance con ufficio in casa di ottimizzare la sua esperienza d’uso del portatile, creando un supporto ideale per utilizzare il laptop nell’ambiente domestico. Dematerializzare il posto di lavoro e portarlo ovunque, a casa o in vacanza è un beneficio importante non solo per l’individuo ma anche per un mondo più sostenibile in cui si muovono Bit al posto di persone, a maggior ragione oggi, con lo sviluppo delle architetture CLOUD.

Giorgio Chignola ci spiega poi più precisamente quali sono i benefici  riscontrati nell’utilizzo del Lounge-Book.

Dopo attenti studi Lounge-Tek ha trovato il modo migliore per utilizzare il Notebook: comodamente sistemati su una poltrona o su un letto con un sistema-leggio regolabile in altezza ed inclinazione ad accesso laterale e con un appoggio per eventuale mouse. Nasce così Lounge-book per trovare facilmente la posizione ideale per non sforzare braccia, polsi, vista, apparato cervicale e spina dorsale secondo un concetto di ergonomia testimoniato anche da una recensione curata dall’Associazione Posturologi Italiani.

Il beneficio non è solamente per l’uomo ma anche per la macchina: l’innovativo appoggio regolabile è ottimizzato per una corretta gestione dei flussi d’ aria verso le prese di ventilazione dell’elettronica per una ottenere sempre un’ottimale temperatura di esercizio ed evitare che tessuti o profili irregolari occludano le medesime. Ottimizzare gli spazi è sempre più importante: ritagliare a casa lo spazio per il computer è sempre più impegnativo ma, grazie a Lounge-book trasformare la poltrona in scrivania diventa semplice e funzionale con il piacere di un design sobrio ed elegante. Grazie agli esclusivi “Color Kit” è infatti possibile adattare gli elementi porta notebook e porta mouse secondo il proprio senso cromatico personalizzando completamente l’oggetto nel proprio contesto di arredamento.

Design, ricerca nei materiali e “made in ethics” contraddistinguono gli innovativi supporti Lounge Book e Lounge Wood.

Contatti

Il sito di Lounge-Tek srl

Lounge Book Facebook

Lounge-Tek Italia Twitter

L’album di Lounge-Tek su Flickr

Outlet Lounge-Tek

Condividi:
  • Print
  • PDF
  • email
  • del.icio.us
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • FriendFeed
  • LinkedIn
  • Ping.fm
  • Twitter
 


Metodi di condivisione e tecnologie di accesso al patrimonio digitale: Vincenzo Genchi al CTIM Forum 2011

Nell’attuale contesto economico di sofferenza è importante salvaguardare gli investimenti mantenendo il completo supporto alle attività di business. Un mercato in continua evoluzione, in cui conoscere cosa accade fuori dall’azienda è importante più che mai. Il data cloud è fonte inesauribile di informazioni di varia natura,  interne ed esterne all’azienda. Il web costituisce una risorsa di importanza crescente per una visione a 360 gradi dei fenomeni chiave per il business.  Una fonte variabile ed imprevedibile, impossibile da valorizzare con  approcci “strutturati”.

Vincenzo Genchi, Key Account Manager di Exalead,  sottolinea il forte impatto degli asset informativi nel data management sul business e presenta così il suo intervento al CLOUD COMPUTING – CTIM FORUM 2011 . Ma quale il ruolo dei sistemi informativi e dei CIO nella gestione del patrimonio digitale?

In uno scenario simile – spiega Vincenzo Genchi – i sistemi informativi hanno un ruolo chiave nel supportare il business offrendo le informazioni giuste in maniera semplice e tempestiva. Le parole d’ordine sono agilità, scalabilità e usabilità. Agilità di sviluppo ed estrema versatilità sono le caratteristiche fondamentali di CloudView™, la nuova piattaforma per realizzare applicazioni basate sulla ricerca (Search Based Applcation). Exalead applica il paradigma del web ai processi aziendali in una visione innovativa che permette di realizzare in giorni soluzioni ad altissimo valore aggiunto.

Vincenzo Genchi , già key account manager in TOPCALL e Business Objects dove ha maturato una significativa esperienza e know-how nella diffusione di tecnologie ad alto valore aggiunto, è oggi concertato nella gestione e sviluppo dei TOP Account di Exalead. La sua presenza al CTIM FORUM 2011 si pone l’obiettivo di presentare un’applicazione concreta del cloud computing e in particolar modo della Search Based Application quale strumento di valorizzazione di tutto il crescente patrimonio digitale”. Continua…

Condividi:
  • Print
  • PDF
  • email
  • del.icio.us
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • FriendFeed
  • LinkedIn
  • Ping.fm
  • Twitter
 


Stefano Mainetti al Cloud Computing CTIM Forum: punti fermi per non smarrirsi tra le nuvole

In occasione del prossimo evento organizzato da ClubTi Centro dal titolo CLOUD COMPUTING – CTIM FORUM 2011, saranno presenti importanti analisti in campo internazionale e players tra i maggiori referenti nell’ambito Cloud Computing.

Tra gli speakers che parteciperanno alla tavola rotonda avremo tra noi una presenza non nuova ai soci e simpatizzanti del ClubTi Centro. Opinion maker sul tema dell’Enterprise 2.0 nel 2009 all’evento ClubTi Centro “Creare conversazione dentro e fuori l’azienda” , torna tra noi il 7 aprile 2011 Stefano Mainetti.

Stefano Mainetti è Responsabile Scientifico dell’Osservatorio Cloud Computing ICT as Service, School of management – Politecnico di Milano. Da anni è impegnato nel campo dell’innovazione digitale delle Enterprises basata sull’Information Communication Technologies. Ha partecipato a numerosi progetti di ricerca tra cui l’Enterprise 2.0 ed ora l’ICT as a Service&Cloud Computing nella School of Management del Politecnico di Milano.

Abbiamo chiesto a Stefano Mainetti “di che cosa si occupa esattamente l’Osservatorio Cloud & ICT” e così ci ha risposto.

L’Osservatorio Cloud & ICT as a Service della School of Management del Politecnico di Milano è nato per rispondere al profondo processo di trasformazione dei modelli di offerta ICT e supportare le aziende nell’analisi e valutazione degli impatti organizzativi e architetturali.

L’Osservatorio è il frutto delle attività di Ricerca svolte in quasi 10 anni dagli Osservatori ICT & Management della School of Management del Politecnico di Milano.

Stefano Mainetti continua, spiegandoci inoltre quali sono gli obiettivi dell’Osservatorio.

L’Osservatorio si occupa di affiancare i CIO e IT Executives nel processo di evoluzione della gestione e dello sviluppo delle applicazioni e infrastrutture ICT generato dalla diffusione dei nuovi modelli di offerta ICT e costituire un punto di riferimento per lo sviluppo della cultura dell’innovazione dei modelli di offerta ICT, favorendo l’incontro e lo sviluppo di una community tra domanda e offerta di tecnologie ICT.

Veniamo ora al CLOUD COMPUTING – CTIM Forum 2011 e precisamente al tema che tratterà durante l’evento, ovvero “Cloud Computing: punti fermi per non smarrirsi tra le nuvole”. Stefano Mainetti ci ha confidato quanto questo tema sia per certi aspetti nebuloso e quindi proverà a “diradare la nebbia per far luce sulla nuvola informativa“, dandoci alcune istruzioni per l’uso, facendo il punto sullo stato dell’arte del Cloud Computing.

Sarà indubbiamente interessante per i CIO, i responsabili di Information Technology, gli imprenditori e tutti coloro che parteciperanno all’evento poter chiarire l’argomento Cloud Computing di cui si parla tanto negli ultimi tempi ma su cui aleggiano ancora molte domande. Per questo il ClubTi Centro invita sin da ora a rivolgere a Stefano Mainetti i dubbi che potranno essere risolti durante l’evento, lasciando qui sotto le vostre domande. L’invito si rivolge non solo a chi parteciperà all’evento ma anche a coloro che non potranno essere presenti ma sono ugualmente interessati al tema.

Condividi:
  • Print
  • PDF
  • email
  • del.icio.us
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • FriendFeed
  • LinkedIn
  • Ping.fm
  • Twitter
 


A cena con Paolo Manocchi e “gli 8 valori che fanno volare”

La serata dal titolo “GLI 8 VALORI CHE FANNO VOLARE” con Paolo Manocchi è stato un momento veramente speciale per il ClubTi Centro per concludere l’anno 2010 e augurarci “buone feste”. Paolo Manocchi ha condotto i presenti alla serata alla ri-scoperta dei principali valori che nella sua lunga esperienza e pratica ha individuato come gli elementi principali, “motore” della nostra vita privata, pubblica e professionale.

“La mattina quando ti svegli perchè esci dal letto?”

Quanti di noi si sono posti questo quesito? Quanti invece hanno reso questo gesto vera e propria routine, senza dare valore e importanza alle azioni che vengono compiute quotidianamente? Paolo Manocchi ha rivolto a noi e tante altre persone prima di noi questa domanda. Le risposte possono essere “perchè devo andare a lavorare”, “perchè devo studiare”. Ma forse varrebbe la pena fermarsi un attimo per andare ancora più a fondo e scoprire che c’è qualcos’altro. Insieme a Paolo Manocchi abbiamo percorso questo viaggio emozionale e viscerale verso importanti valori.

GLI 8 VALORI CHE FANNO VOLARE. Ambizione. Convinzione. Sogno. Opportunità. Passione. Divertimento. Responsabilità. Entusiasmo.

Dietro ognuno di questi valori  si cela un preciso significato, autentico, antico, etimologico che ci fa comprendere la reale connotazione positiva sul nostro vivere quotidiano. E Paolo Manocchi ci ha portato mano per la mano ad analizzare questi valori attraverso esempi, immagini, musiche.

Un vero viaggio verso il risveglio della più intima coscienza dell’io tra ironia ed emozioni. Sì, le emozioni sono state protagoniste di questa piacevole e indimenticabile serata che si è trasformata poi in una conviviale cena tra brindisi e il proseguo di riflessioni, domande e curiosità.

Paolo Manocchi ha messo a dura prova i nostri animi e di certo non ci ha lasciato indifferenti. Proprio per questo non può mancare il nostro più sincero e vivo GRAZIE, con l’augurio in questo clima natalizio di poterlo incontrare nuovamente lungo la nostra strada.

A ricordo di questa esperienza del ClubTi Centro lasciamo tutto ciò che permetterà a chi lo ha conosciuto di ripercorre i momenti principali e chi non lo ha conosciuto scoprire qualcosa in più.

Le foto della serata “GLI 8 VALORI CHE FANNO VOLARE” sul nostro account Flickr.

GLI 8 VALORI CHE FANNO VOLARE

L’intervista “Paolo Manocchi: l’economia delle relazioni e i valori in cui crediamo

La locandina dell’evento

Condividi:
  • Print
  • PDF
  • email
  • del.icio.us
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • FriendFeed
  • LinkedIn
  • Ping.fm
  • Twitter