World Class Manufacturing, il nuovo libro di Alessandro Amadio

Un’azienda può essere definita eccellente quando, operando in una logica di miglioramento continuo, produce redditività e, in assenza di sprechi e valorizzando le proprie risorse umane, realizza prodotti e servizi perfettamente coerenti con la qualità e la dinamica
richieste dal mercato. World Class Manufacturing, conosciuto anche con il suo acronimo WCM, rappresenta un modello di gestione aziendale in grado di sviluppare rapidamente il valore e quindi le prestazioni, garantendo efficienza ed efficacia a tutti i processi industriali che
determinano il successo o l’insuccesso di ogni azienda.

In occasione dell’uscita del nuovo libro “World Class Manufacturing – I pilastri, la dinamica e l’evoluzione di un Modello eccellente orientato dalla Lean Manufacturing e dai Costi”, Club Ti Centro ha intervistato Alessandro Amadio.

Alessandro Amadio, Supply Chain Manager del Gruppo Selettra, multinazionale leader dei cablaggi industriali, ha diretto aziende multinazionali leader nei settori alimentari, del packaging, dell’automotive e dei cablaggi industriali nell’ambito dell’implementazione di logiche avanzate di gestione aziendale. In ambito internazionale ha collaborato alla definizione di sistemi di benchmarking, e ha curato l’introduzione di nuovi modelli organizzativi di Lean Organization, Kaizen Management e World Class Manufacturing. Ha pubblicato Logistica integrata in ambiente Supply Chain (2004), Performance Analysis Management (2005), Supply Chain Excellence (2006), Professional Outsourcing (2008), Value Supply Flow (2012) e, con Umberto Paparelli, Turnaround Plus+ (2012).

  • Che cos’è il World Class Manufacturing e quali sono i principi fondanti?

A.A. La World Class Manufacturing è un modello di gestione aziendale di recente sviluppo portato in Italia dal Gruppo Fiat – FCA. Si tratta di un vero e proprio programma di miglioramento aziendale progressivo basato su dieci pilastri tecnici che rappresentano gli aspetti aziendali da rendere eccellenti e su dieci strumenti di derivazione del Toyota Production System. La dinamica di questo modello è molto rigida basata su un percorso di sette step.

  • Perchè le aziende dovrebbero adottare il modello WCM? Può essere applicato su tutte le aziende?

A.A. Il WCM può essere introdotto con successo da molte aziende. Non necessita di particolari investimenti iniziali ma di un approccio analitico, competenze, dedizione e di un ampio coinvolgimento delle risorse aziendali. Con il WCM le aziende che decidono di introdurlo come modello di gestione possono trovare rapidamente la strada dell’eccellenza ed una inesorabile competitività aziendale

  • Cosa distingue il WCM dalla Lean Munufacturing?

A.A. Il World Class, al contrario della Lean che è una filosofia di gestione, è un modello vero e proprio che impiega alcuni dei principali strumenti del Toyota Production System. Lo stringente orientamento ai costi che determinano la fattibilità e la priorità di implementazione di un miglioramento caratterizza il World Class e lo rende molto piò coerente all’approccio manageriale occidentale.

  • Quanto dura il percorso di certificazione WCM per un’azienda?

A. A. Un percorso World Class fornisce risultati molto rapidamente. Si tratta comunque di un programma di miglioramento che prende il via da un pilota aziendale, quale un impianto, o un reparto, o un ufficio partendo da due o massimo tre pilastri. Un progetto completo WCM può durare due o tre anni in funzione del livello di complessità aziendale e dalla dedizione con cui l’azienda intende implementare questo modello di gestione.

  • Secondo la tua esperienza nell’ambito della WCM e nell’ambito di logiche avanzate di gestione aziendale, quali sono le maggiori difficoltà che oggi incontrano le aziende?

A.A. Come tutti i progetti di miglioramento il WCM trova iniziali resistenze aziendali da parte dei Manager per l’effetto “saracinesca” che normalmente qualsiasi novità gestionale stimola nei Key User aziendali. L’approccio analitico e i risultati rapidi e misurabili di questo modello tendono però a scardinare queste inerzie aziendali.

  • Parlaci del nuovo libro appena uscito: “World Class Manufacturing – I pilastri, la dinamica e l’evoluzione di un modello eccellente orientato dalla Lean Manufacturing e dai costi.

A.A. Il testo presenta un percorso di costruzione dell’eccellenza aziendale strutturato in dieci pilastri tecnici, organizzato in sette step consecutivi. Basato su strumenti manageriali derivanti dalla Lean Production, propone un orientamento alla creazione del valore in relazione ai relativi costi originati dalle fonti corrispondenti. Il testo presenta un ambizioso ma concreto ed esauriente progetto in grado di supportare manager e imprenditori nella ricerca delle opportunità di crescita partendo proprio dalle inefficienze che ne limitano il flusso del valore: inefficienze che rappresentano una vera e propria opportunità di risanamento, rilancio e sviluppo aziendale. Questo testo, coerente con le linee guida del suo ideatore, Richard J. Schonberger, adeguatamente integrato e arricchito, sviluppa con un approccio analitico e metodologico ma con un linguaggio lineare e discorsivo le modalità concrete di implementazione di un progetto aziendale World Class. La presenza di grafici, tabelle, diagrammi di flusso ed esempi pratici rende particolarmente agevole la lettura e la fruibilità del libro in funzione del suo eventuale utilizzo a supporto di un progetto aziendale World Class Manufacturing.

Alessandro Amadio sarò ospite di Club Ti Centro in occasione del seminario, riservato ai soci del club, “World Class Manufacturing” che si terrà il 29 Giugno 2017 alle ore 16:00.

Non ti sei iscritto ancora al seminario? ISCRIVITI SUBITO! IN REGALO IL NUOVO LIBRO DI AMADIO

Per partecipare all’evento riservato ai soci clubticentro è necessario versare la quota associativa 2017 e iscriversi.

Eventbrite - WORLD CLASS MANUFACTURING + Assemblea Soci ClubTiCentro

Condividi:
  • Print
  • PDF
  • email
  • del.icio.us
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • FriendFeed
  • LinkedIn
  • Ping.fm
  • Twitter

Lascia un Commento


nove − = 7