Misurare, gestire e comunicare l’ICT

Martedì 19 Dicembre 2006

logo_positivo

& Controller Associati

DSCF0001

Misurare, gestire e comunicare l’ICT: una roadmap per valorizzare gli investimenti.

Come valutare gli Investimenti in Information Technology e definire gli indicatori relativi agli Intangibile Assets ed il loro apporto alla creazione del Valore d’impresa? Le difficoltà ed i vantaggi della valutazione degli investimenti di information technology attraverso la presentazione di alcuni casi aziendali. Sono disponibili le foto dell’evento.

Relatori e presentazioni

Pietro Berrettoni - Presidente Onorario ClubTi Centro

Luca Giacconi – Organizzazione ClubTi Centro

Danilo Scarponi – Partner Sint – Docente Università Politecnica delle Marche

Condividi:
  • Print
  • PDF
  • email
  • del.icio.us
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • FriendFeed
  • LinkedIn
  • Ping.fm
  • Twitter

Evento SOA

Soa, fare “rete” con la tecnologia

Incontro organizzato da

Marchio positivo

in collaborazione con IBM

9 novembre 2006 nella prestigiosa cornice di Villa Carlo Boccolini di Sirolo (AN)

Il ClubTi Centro presenta in collaborazione con IBM il suo ultimo importante appuntamento del 2006 in una cornice unica ed irripetibile, il Monte Conero. SOA (Service Oriented Architecture) è uno degli acronimi che non può mancare nelle pagine dei magazine IT e tra gli “ordini del giorno” di molte organizzazioni economiche, pubbliche e private. È una strategia finalizzata a sviluppare tutte le applicazioni software di un’azienda usando metodi di programmazione orientati ai servizi. Ma la SOA va ben al di là del solo sviluppo software, perché richiede una conoscenza del business profonda e strategica. Progettare secondo un’ottica SOA chiama all’appello CEOs (chief executive officers ovvero Amministratori Delegati) e CIOs (chief Informatin officer, ovvero i Responsabili Information & Communication Technology) che si incontrano e si confrontano con le diverse aree aziendali per decidere quali sono i processi da supportare con i Servizi. Senza dimenticare la governance.

Leggi tutto

Condividi:
  • Print
  • PDF
  • email
  • del.icio.us
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • FriendFeed
  • LinkedIn
  • Ping.fm
  • Twitter

KI: Knowledge Intelligence

logo_positivo

& Controller Associati

presentano il convegno dal titolo

Knowledge Intelligence: metodologia, modelli gestionali e strumenti tecnologici per la governance e lo sviluppo del business

Mercoledì 12 Luglio 2006

IMG_0241

Grand Hotel Palace, Ancona

Non è necessario disporre di una mole di dati per prendere decisioni strategiche. Sono necessari dati di Qualità. In questo modo si è aperto l’ultimo appuntamento estivo organizzato lo scorso 12 luglio ad Ancona dal ClubTI Marche in collaborazione con il Club dei controller marchigiani. L’elevata partecipazione all’incontro la dice lunga sulla sensibilità che accomuna CIO e Controller nei confronti di tematiche di BI ed ICT governance.

Il saluto del Presidente del Club dei Controller, D.ssa Laura Filonzi, ha caldeggiato future opportunità di collaborazione con il ClubTI, nell’ottica di creare un sistema di relazioni sempre più integrato e proficuo per la crescita delle imprese del territorio.

L’introduzione curata dall’Ing. Pietro Berrettoni, il Presidente del ClubTI Marche, ha evidenziato come in molte realtà industriali oggi il commitment del top management non si limita alla soddisfazione del mercato e della clientela, ma di necessità coinvolge Persone e Processi. Solo con la sponsorhip del management e dei quadri si possono affrontare processi di change management.

Leggi tutto

Condividi:
  • Print
  • PDF
  • email
  • del.icio.us
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • FriendFeed
  • LinkedIn
  • Ping.fm
  • Twitter

Tecnologia RFID

6 aprile 2006

Marchio positivo

presenta il Convegno dal titolo

Tecnologia RFID: Competitività, Sicurezza e Qualità

Il ClubTI Marche, in collaborazione con il gruppo Loccioni, ha organizzato un workshop dal titolo: “Tecnologia RFID : competitività, sicurezza e qualità a portata di impresa”.

“Qualità dei relatori non ha tradito le aspettative: Siemens Business Solution, SAP Italia, Vodafone Italia e il gruppo Loccioni. Si è appreso così che il settore retail e consumer goods rimane attualmente il driver dominante per l’adozione di una soluzione Radio Frequency Identification. E gli ostacoli sono ancora numerosi: frequenze, potenze di impiego, costo, mancanza di standard (EPC Global, GRAI).”

Tratto dall’articolo “Tecnologia RFID: un vantaggio competitivo?” pubblicato su Mondo Lavoro

Pietro Berrettoni e Luca Giacconi

Leggi tutto

Condividi:
  • Print
  • PDF
  • email
  • del.icio.us
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • FriendFeed
  • LinkedIn
  • Ping.fm
  • Twitter